AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ

La Cooperativa Migros Ticino si impegna costantemente per ridurre l’impatto ambientale
delle sue attività aziendali, con investimenti in sistemi, impianti e metodi di lavoro.
  • Efficienza energetica

    Nel 2004 Migros Ticino si è posta degli obiettivi concreti che sono stati definiti separatamente per punti vendita, sede principale e mezzi di trasporto.
  • Meno Imballaggi

    Ottimizzazione degli imballaggi tramite riduzione, utilizzo di materiali riciclati e utilizzo di imballaggi di carta e cartone tradizionali con materiale a marchio FSC.
  • Stabili Minergie

    Nel 2013 è stato inaugurato a Torricella-Taverne il primo supermercato Minergie della Svizzera italiana; nel 2014 hanno fatto seguito Losone (Do it+Garden e Activ Fitness) e il supermercato Mendrisio Sud.
  • Trasporti e Mezzi

    Trasporto via treno per oltre il 60% della merce; Automezzi Euro 5 ed Euro 6; Vetture aziendali di categoria A.
  • Impianti Solari

    Quattro impianti fotovoltaici che producono complessivamente 916 mila kWh l'anno, pari al fabbisogno energetico di circa 200 economie domestiche.
  • Riciclaggio

    Oltre il 65% dei materiali raccolti viene consegnato ad aziende specializzate nella trasformazione e nel riutilizzo dei materiali. Per i rifiuti non riciclabili Migros Ticino fa capo al termovalorizzatore dell'Azienda cantonale dei rifiuti di Giubiasco.

IMPEGNO SOCIALE

Migros Ticino è socialmente impegnata:

– Quale datore di lavoro, impiega 1’665 collaboratori, il 90 percento residente nella Svizzera italiana, che sottostanno a un contratto collettivo tra i migliori del settore a livello nazionale.

– Per statuto Migros Ticino deve destinare annualmente l’equivalente dello 0,5 percento della sua cifra d’affari al sostegno di iniziative in ambito culturale, sociale, formativo ed economico. Annualmente l’impegno corrisponde a circa 2,5 milioni di franchi, destinati al sovvenzionamento dei corsi di formazione della Scuola Club Migros Ticino, e al sostengo di una serie di manifestazioni culturali presentate dal Percento culturale Migros Ticino.

Migros Ticino collabora con enti e istituti che promuovono l’integrazione di persone diversamente abili: più precisamente integrando, dal 1989, un gruppo di una decina di utenti della Fondazione Diamante nel team aziendale della sede centrale di Sant’Antonino e tramite la promozione e la vendita di prodotti (confetture, miele, gnocchi…) elaborati artigianalmente in laboratori protetti delle fondazioni Diamante, La Fonte, OTAF e San Gottardo, il cui ricavato è interamente riversato a questi enti.

– Nella gestione dei prodotti alimentari l’azienda si sforza costantemente per mantenere il volume degli scarti il più basso possibile: tra le misure adottate figurano in particolare l’ordinazione ottimale della merce, che si appoggia tra l’altro su un’apposita applicazione informatica, mentre per la merce la cui data di vendita sta per scadere vengono applicate riduzioni di prezzo che ne facilitano lo smercio; le eventuali rimanenze di prodotti con data di consumo ancora valida vengono consegnate al Tavolino magico e ad altri enti sociali.

PRODOTTI E IMBALLAGGI

Anche per quanto riguarda gli imballaggi, da tempo Migros concentra i suoi sforzi nella loro riduzione, rispettivamente apportando delle sostituzioni con materiali più rispettosi dell’ambiente (per esempio utilizzando materiale riciclato o utilizzando confezioni più sottili).

Non vanno però dimenticati le molteplici esigenze che un imballaggio deve soddisfare, in particolare:

1. Protezione del prodotto, per garantirne igiene e conservazione.
2. Praticità nel fare la spesa e nel trasporto.
3. Praticità nella conservazione degli alimenti.
4. Praticità di utilizzo.
5. Rispetto dell’ambiente e possibilità di riciclo.
6. Spazio sufficiente per le informazioni.
7. Estetica piacevole.

Il tutto con un occhio di riguardo per i costi e tenendo in considerazione le possibilità tecniche legate alla produzione e alla vendita.
Nel 2011 Migros ha promesso di ridurre del 10% l’impatto ambientale complessivo degli imballaggi dei 250 prodotti più venduti entro il 2013. Tra le misure adottate, la rinuncia degli imballaggi doppi, l’utilizzo di carta e cartone da selvicoltura sostenibile (certificato FSC), l’aumento della percentuale di materiale riciclato utilizzato (in particolare PET e cartone) e ancora la ricerca di soluzioni che permettano di adottare involucri più sottili ma che siano sufficientemente resistenti.

La riduzione è stata del 7 percento. Il potenziale stimato al 10 percento non ha infatti potuto essere conseguito poiché per numerosi prodotti il potenziale di miglioramento era già stato sfruttato; ulteriori alleggerimenti delle confezioni avrebbero comportato conseguenze negative su qualità e maneggevolezza.

Migros ha dunque dato avvio all’ottimizzazione degli imballaggi di altri prodotti, operazione che continuerà anche nei prossimi anni.

TRASPORTI

Ben il 60 percento delle merci vendute da Migros Ticino giunge a S. Antonino tramite ferrovia e proviene da piattaforme logistiche situate oltralpe.

Solo i prodotti freschi, per esigenze legate ai tempi di fornitura, vengono trasportati direttamente dal produttore alla sede centrale di Migros Ticino su strada.

In futuro si intende ulteriormente aumentare la percentuale di merce trasportata via ferrovia.

A ciò si aggiunge l’offerta dell’assortimento dei Nostrani – pari al 7 percento della cifra d’affari del settore alimentare – e gli altri prodotti ticinesi senza label – un ulteriore 10 percento – che rientrano tra i cosiddetti prodotti a chilometro zero.

I veicoli utilizzati per le forniture dalla sede centrale di Sant’Antonino alle filiali sono di standard Euro 5 ed Euro 6. Le vetture dell’azienda sono invece di categoria A e hanno un consumo inferiore a 130 grammi di CO2 per chilometro.

Ben il 60 percento delle merci vendute da Migros Ticino giunge a S. Antonino tramite ferrovia e proviene da piattaforme logistiche situate oltralpe.

Solo i prodotti freschi, per esigenze legate ai tempi di fornitura, vengono trasportati direttamente dal produttore alla sede centrale di Migros Ticino su strada.

In futuro si intende ulteriormente aumentare la percentuale di merce trasportata via ferrovia.

A ciò si aggiunge l’offerta dell’assortimento dei Nostrani – pari al 7 percento della cifra d’affari del settore alimentare – e gli altri prodotti ticinesi senza label – un ulteriore 10 percento – che rientrano tra i cosiddetti prodotti a chilometro zero.

I veicoli utilizzati per le forniture dalla sede centrale di Sant’Antonino alle filiali sono di standard Euro 5 ed Euro 6. Le vetture dell’azienda sono invece di categoria A e hanno un consumo inferiore a 130 grammi di CO2 per chilometro.