Bon Appétit!

Attualità: La Lingua Francese è il pane primaverile che accontenta tutti i gusti!

Aspetto
Il pane bianco è molto presente nella cucina mediterranea. In Italia a farla da padrona è la ciabatta, in Grecia sulla tavola non manca mai la pita, mentre in Francia ovviamente, la più amata è la Baguette, il caratteristico filone di pane bianco che si porta «sottobraccio». È proprio da quest’ultimo che vuole ispirarsi la Lingua Francese, anche se

«la sua forma è più piatta e meno allungata rispetto al classico pane francese»,  spiega Lorenzo Stornetta, assistente di produzione presso il panificio Jowa di S. Antonino. «La lingua Francese possiede un taglio longitudinale, leggermente obliquo, con strappo ben marcato. La superficie risulta lievemente infarinata, con una colorazione dall’oro al marrone chiaro, con sfondo più scuro ma mai bruciato».

Altre caratteristiche essenziali di questo pane di frumento chiaro sono la crosta croccante e la mollica soffice e ben sviluppata, la cui «alveolatura è il risultato di una lievitazione lenta e di una lavorazione dell’impasto molto delicata che solo un abile panettiere è in grado di eseguire», puntualizza con una punta di orgoglio Lorenzo Stornetta. Inoltre, grazie alla lunga lievitazione a cui è sottoposta, la Lingua Francese si conserva senza problem anche fino al giorno successivo.

Sapore
Il sapore, come anche il profumo della Lingua Francese, è quello tipico dei pani bianchi di frumento, con l’aroma del malto e del lievito in evidenza. La mollica possiede un gusto dolce, con un retrogusto leggermente acidulo che si sviluppa e permane in bocca.

Abbinamenti
La Lingua Francese è ottima per preparare panini semplici ma gustosi da mangiare all’aperto o in ufficio, è un ottimo accompagnamento a fresche insalate primaverili o a pietanze più variegate della cucina quotidiana e deliziosa spalmata di burro e marmellata fatta in casa per una colazione gustosa e energetica. Si presta molto bene anche come aperitivo o spuntino sotto forma di crostini leggermente tostati, farciti con salmone, formaggio fresco, petali di Tête de Moine o spalmati di paté di fegato.