Cremosa Delizia

Novità: Un brie a base di latte vaccino nostrano prodotto dalla LATI di S. Antonino.

Immancabile in un tagliere di formaggi misti, ma apprezzato anche caldo, per esempio su torte salate, flammkuchen e, perché no, sulla pizza, il brie, insieme al camembert, è tra i formaggi a pasta molle più conosciuti. Dal sapore più delicato rispetto al cugino normanno, il brie è originario dell’omonima regione francese dell’Ile-de-France, a pochi chilometri da Parigi. Nel 1815, in occasione del congresso di Vienna, il brie de Meaux venne addirittura eletto «Re di tutti i formaggi». Anche in Svizzera nel secolo scorso si è diffusa con successo la produzione del brie. Una produzione ripresa più recentemente anche dalla LATI, che lo confeziona in modo tradizionale facendo capo al buon latte vaccino raccolto presso oltre cento produttori distribuiti su tutto il territorio ticinese. Come tutti i brie, anche quello nostrano si caratterizza per la sua crosta bianca fiorita – assolutamente commestibile – data da uno specifico trattamento con muffe speciali del tipo penicillium. Al suo interno presenta una pasta chiara dalla consistenza morbida e burrosa, che conquista il palato grazie al sapore delicato, dolce e nocciolato. L’affinamento dura almeno venti giorni in ambienti con temperatura e umidità costanti.