Fragole: Le Dolci Bombe Vitaminiche

Le fragole sono uno scrigno di salute e hanno solo 40 kcal per 100 g. Chi d’estate non resiste alla loro dolce tentazione, non fa nulla di male. La fragola è antichissima. Già nell’età della pietra i nostri antenati ne mangiavano una versione mini. L’attuale fragola nacque alla fine del XVII secolo in Olanda dall’incrocio casuale di due specie provenienti dalle Americhe. Deve il suo nome latino (fragaria ananassa) alla forma e al suo aroma deciso.

Un frutto che in realtà non lo è
Dal punto di vista botanico, le fragole non sono bacche ma falsi frutti o frutti aggregati di piante perenni. I frutti veri e propri della fragola sono i piccoli semini gialli in superficie, chiamati acheni. La polpa che mangiamo in realtà non è che il ricettacolo inspessito sul quale poggiano gli acheni. La fragola appartiene alla famiglia delle rosacee. Oggi ne esistono infinite varietà, anche se per la maggior parte dei consumatori si tratta semplicemente di fragole.

Più vitamina C delle arance
Con circa 32 kcal per 100 g, i frutti aromatici contengono poche calorie. Le fragole sono vere e proprie bombe vitaminiche. In particolare il contenuto di vitamina C è notevole: con 60 mg per 100 g è più elevato rispetto ai limoni e alle arance. Una porzione di 200 grammi copre il fabbisogno giornaliero di vitamina C di una persona adulta. Le fragole contengono anche acido folico, una vitamina del gruppo B. Alla stregua della vitamina C, contribuisce al mantenimento della normale funzione del sistema immunitario. È inoltre essenziale per lo sviluppo del tubo neurale del feto.

Continua a leggere…