Irrigazione Per Il Giardino E Durante Le Vacanze

Per un giardino curato un’annaffiatura regolare è fondamentale. A seconda delle dimensioni del giardino e delle condizioni meteo, l’irrigazione può richiedere molto tempo ed energie. Ecco i consigli di Carmen, che ha trovato una soluzione alternativa per l’irrigazione.

Estate passata, 30°: fuori c’è canicola sotto il sole cocente del tardo pomeriggio. Insieme a mio marito, nella fresca veranda mi godo il meritato riposo dopo il lavoro. Quanto mi piacerebbe rimanere seduta adesso, ma il dovere mi chiama. Le piante in vaso, le cassette rialzate e l’orto devono essere annaffiati e anche le ortensie hanno già le foglie che pendono verso il basso.

A inizio stagione sono sempre motivata perché non ho ancora dovuto sgobbare in giardino. Quasi ogni giorno trasporto diversi pesanti annaffiatoi per bagnare le mie piante in vaso; il serbatoio mobile per l’acqua piovana di Andreas e Carole sarebbe sicuramente una soluzione più elegante! Gli ortaggi appena piantati e il prato riseminato vengono irrigati con un tubo da giardino e una lancia a doccetta adatta.

Ogni anno va a finire allo stesso modo: man mano che l’estate avanza, la mia motivazione diminuisce progressivamente per tutto il tempo che impiego ad annaffiare. Nei periodi prolungati di siccità mi ci vogliono due ore per irrigare tutto il giardino.

Perciò quest’estate desidero provare un sistema d’irrigazione e godermi così il tempo guadagnato in giardino. Estate 2017, 30°: fuori picchia il sole cocente del tardo pomeriggio, io faccio un brindisi con mio marito, prendo un sorso della mia bibita fresca e guardo rilassata gli irrigatori automatici all’opera. Fantastico, quest’anno posso rimanere seduta!

Leggi di più: Do It+Garden/Blog