La sella di capriolo

attualità Un gustosissimo piatto che non lascia nessuno indifferente

Se l’appetito di carne di selvaggina vien con l’autunno, i buongustai sanno che rivolgendosi alla Migros possono arricchire le proprie tavole con tante specialità stagionali di cervo, capriolo e cinghiale. Una di queste si distingue per la sua straordinaria gustosità e tenerezza, come pure per il modo con cui viene servita accompagnata dai suoi classici contorni: la sella di capriolo alla Baden-Baden. Questa città termale tedesca è situata nella Foresta Nera, regione celebre per i suoi paesaggi sempreverdi e per la ricchezza della sua cucina, considerata una delle migliori della Germania, dove predominano bontà a base di prodotti della foresta quali funghi, frutti di bosco, verdure, pesce fresco… e appunto cacciagione. La sella di capriolo è diventata un grande classico autunnale anche nella nostra regione, dove per trovare un tavolo nei ristoranti che la propongono bisogna spesso prenotare con largo anticipo. E allora perché non provare a prepararla a casa propria, approfittando dell’azione speciale di cui è oggetto questa settimana nelle nostre filiali? Servita con i suoi tradizionali e irrinunciabili contorni quali pere al vino rosso, confettura di ribes, spätzli, castagne caramellate, cavolo rosso, cavolini di Bruxelles… sarà come essere nel migliore dei ristoranti.

La ricetta: Sella di capriolo
Ricetta per 4-6 persone: 1 sella di capriolo di ca. 2 kg
Preparazione
1. Togliere accuratamente la membrana fibrosa dai controfiletti della sella. Separare gli stessi dall’osso centrale, condirli con sale, pepe e erbette (timo, rosmarino) anche all’interno e legarli con uno spago in più punti.
2. Rosolare la sella rapidamente da tutti i lati in una padella con olio e mettere nel forno preriscaldato a 200-220° per 10-12 minuti. Nel frattempo sciogliere 50 grammi di burro in un padellino, con aggiunta di timo, rosmarino e qualche bacca di ginepro schiacciata.
3. Togliere la sella dal forno, tagliare lo spago e irrorarla con il burro condito con le erbette. Rimettere la sella nel forno spento e con la porta semiaperta per circa 10 minuti. Staccare completamente la carne dall’osso, tagliarla a fettine e disporre su piatti preriscaldati.
4. Per il contorno le possibilità sono molte: dagli spätzli fatti in casa, magari con l’aggiunta di farina di castagne, alle crocchette di polenta, al gratin di patate e mele, alla purea di patate e zucca, o tagliatelle. Infine guarnire con cavolo rosso in umido, castagne caramellate, mezze mele o pere sbollentate e confettura di ribes, ecc. Per la salsa, va bene una salsa ai funghi, il fondo di cottura affinato, oppure semplicemente un filo di burro fuso.