Una francese della regione

Novità Il pane Lingua Francese viene ora prodotto con cereali al 100% ticinesi

Nei reparti panetteria dei supermercati Migros da qualche giorno è disponibile una nuova bontà tutta nostrana, ma dal carattere decisamente transalpino: la Lingua Francese. Questa croccante specialità – finora prodotta a partire da farine svizzere – è ora panificata esclusivamente con l’impiego di farina ticinese IP-SUISSE, estratta da frumento tenero coltivato sul Piano di Magadino e nel Mendrisiotto e trasformato dal Mulino di Maroggia. La Lingua Francese è un pane bianco che ricorda appunto la famosa baguette, con una tipica forma allungata simile ad una «lingua». L’utilizzo di una biga (preimpasto) a lunga fermentazione conferisce al prodotto una caratteristica e irresistibile nota tostata, con gli aromi di malto e lievito discretamente in evidenza. La crosta è croccante e fragrante, di colore dorato, con un taglio longitudinale in superficie. La mollica è morbida e presenta un’alveolatura ben sviluppata. La lavorazione dell’impasto richiede una certa manualità da parte degli esperti panettieri della Jowa di S. Antonino: le porzioni di pasta vengono infatti appositamente tirate a mano, così facendo si valorizzano al meglio le qualità del prodotto, conferendogli la classica forma allungata. La Lingua Francese si gusta in qualsiasi momento della giornata: è una golosità a colazione spalmata con burro, confettura o miele; accompagna bene le pietanze del pranzo e la cena; si sposa a meraviglia con il formaggio sia fresco che stagionato; è immancabile all’aperitivo tagliata a fettine sottili tostate come base per sfiziose bruschette; oppure è ideale per preparare ottimi panini imbottiti.