Voglia di brasato di manzo

Attualità Un tradizionale piatto invernale da servire con una fumante polenta

Non c’è niente di più succulento che un pezzo di carne cotto lentamente e a lungo nei propri succhi. Il brasato di manzo è uno di questi ed è un piatto che non lascia nessuno scontento. Questa preparazione, grazie alla delicata cottura per almeno tre ore, fa sì che le fibre della carne diventino straordinariamente tenere e saporite. Le parti del bovino più indicate per la brasatura sono quelle a fibra grossa, ottenute dalla spalla e dalla coscia. Quest’ultime presentano sottili venature di grasso che, sciogliendosi durante la preparazione, donano alla carne il suo caratteristico sapore intenso. Uno dei tagli più gettonati per preparare un delizioso brasato è per esempio l’aletta di manzo. Per verificarne la cottura, è sufficiente infilzare un forchettone nella carne. Se esso esce senza sforzi la carne è cotta a puntino. Il grado di cottura può essere controllato anche con l’ausilio di un termometro da carne: in questo caso la temperatura al cuore dovrebbe essere di 80-85 gradi. Per gli amanti delle salsine, il liquido di cottura rimasto può essere affinato con una spruzzata di succo di limone, la cui acidità intensifica gli aromi.

Brasato al vino rosso
Ingredienti per 4 persone 1-1,2 kg di aletta di manzo | 1 cipolla | 2 carote | 2 gambi di sedano | 1 bottiglia di vino rosso (Merlot o Barolo) | sale, pepe, noce moscata, alloro, chiodi di garofano | burro
Preparazione La sera prima mettere a bagno la carne con la cipolla steccata con due chiodi di garofano, le carote a dadini, il sedano e una bottiglia di vino rosso. Pepare, spruzzare di noce moscata e coprire. Il giorno dopo in una brasiera alta sciogliere del burro con due foglie di alloro, unire la carne e le verdure e far rosolare qualche minuto. Aggiungere il vino della marinata, salare, coprire e lasciar cuocere a fuoco moderato per ca. 3 ore. A fine cottura passare il sugo con le verdure, tagliare la carne e adagiare le fette nel sugo facendole inzuppare. Servire con una buona polenta.