2022_07_22-comunicati-stampa-fuochi-copertina

Migros Ticino rinuncia ai fuochi d’artificio

L’azienda ha deciso di allinearsi alla filosofia della maggior parte delle cooperative Migros e da quest’anno rinuncia ai buoni proventi derivanti dallo smercio di articoli pirotecnici.

Dopo attenta riflessione Migros Ticino, in qualità di azienda responsabile, nonostante la sempre alta richiesta da parte della clientela, ha deciso di fare un passo ulteriore verso la salvaguardia dell’ambiente e della fauna, rinunciando alla vendita dei tradizionali fuochi d’artificio. Sulla decisione hanno pesato importanti fattori quali l’attuale dibattito globale sul clima e gli inquinanti atmosferici e la tutela del nostro territorio, soggetto nel periodo estivo, oltre che a un’alta concentrazione di polveri fini – che ha ripercussioni anche sul suolo e sulla qualità delle acque – anche a temperature molto elevate e spesso a una siccità prolungata, elementi questi che favoriscono sempre più il forte e concreto pericolo di incendi boschivi. Inoltre, anche l’aspetto dell’inquinamento fonico non è stato sottovalutato: da una parte della popolazione i fuochi d’artificio sono percepiti come molesti e possono essere una fonte di spavento e stress per i bimbi piccoli e per gli animali, poiché sono improvvisi e molto rumorosi. La paura per la fauna selvatica ma anche domestica è un problema sia dal punto di vista psicologico sia dal punto di vista fisico: può infatti avere effetti sulla sicurezza, quando, in un momento di forte ansia e panico, con reazioni incontrollate, le bestie possono ferirsi o causare incidenti, mettendo potenzialmente a rischio la propria vita e quella di terzi nel tentativo di fuggire o nascondersi dagli scoppi.