Aspettando la Pasqua

AttualitàGustando l’ottima colomba pasquale della Jowa ci si immerge già nell’atmosfera della nuova stagione

I supermercati di Migros Ticino già sfoggiano un colorato look primaverile e il ricco assortimento dedicato all’importante ricorrenza della Pasqua ha fatto capolino sugli scaffali di tutto il cantone. Della partita fa naturalmente parte la colomba, il dolce per eccellenza della festività, disponibile in decine di varietà per la felicità di grandi e piccoli golosoni. Chi predilige i prodotti del nostro territorio, da ben 40 anni apprezza la colomba San Antonio, confezionata con grande cura dalla Jowa di S. Antonino. Il soffice dolce è ottenibile in diverse varianti alfine di soddisfare le molteplici richieste da parte della clientela: dalla colombella da 120 g per i piccoli languorini a quella artigianale particolarmente ricca di burro e canditi; dalla Colomba Classica in vari formati e grammature fino a quella senza frutta candita per chi non apprezza questo tipo di ingrediente. Denominatore comune di tutte quante le specialità: sono preparate a partire da pregiato lievito madre, elemento che contribuisce in modo determinante alla qualità organolettica del prodotto finale. Altri punti chiave per ottenere un dolce di qualità sono altresì l’utilizzo di un’alta percentuale di burro, la lunga lievitazione naturale dell’impasto che può durare fino a 35 ore e, chiaramente, l’esperta manualità artigianale degli addetti Jowa alla produzione del tipico dolce festivo.

Origini e simbologia
Nella religione cristiana, la colomba è simbolo di pace, salvezza e resurrezione. Tra le diverse leggende legate all’origine del dolce, una narra che esso sia nato a Pavia, durante l’assedio della città da parte dei Longobardi guidati da Re Alboino, nella seconda metà del 500. Per evitare che la città venisse distrutta, un panettiere ebbe l’idea di confezionare un pane dolce a forma di colomba da regalare al re in segno di pace e clemenza verso la popolazione.