Gustosissimo baccalà

Attualità Con il merluzzo secco si possono preparare dei secondi piatti molto saporiti che non sfigurano mai in tavola

Il merluzzo è un pesce diffuso in tutto il mondo, apprezzato per la sua carne bianca, magra e dal sapore dolce e delicato. In commercio lo si trova sia fresco, sia congelato, ma anche essiccato e conservato sotto sale. Quest’ultimo È conosciuto come baccalà o anche stoccafisso. Nel nostro cantone e nella vicina Penisola per molti esiste la tradizione di mangiare merluzzo e polenta il mercoledì delle Ceneri, il giorno che apre il periodo di digiuno che precede la Pasqua e segue il martedì grasso, ultimo giorno di carnevale di rito romano. Nei paesi nordici il merluzzo è pescato in grandi quantità e fin dai tempi dei vichinghi si usa essiccarlo in modo naturale all’aria aperta, intero e senza testa, sistemato su caratteristici tralicci di legno. Il merluzzo secco o baccalà prima di essere cucinato deve essere dissalato e ammorbidito, lasciandolo in ammollo per almeno 24 ore in acqua fredda (o latte) e cambiando il liquido almeno 2-3 volte. Una ricetta tipica facile da preparare ma gustosissima da mangiare che richiede pochi ingredienti è il “Baccalà alle cipolle”. Per 6 persone sono necessari ca. 800 g di filetti di baccalà già ammollati in precedenza. In una padella da frittura friggere nell’olio i pezzi di baccalà infarinati finch  abbiano raggiunto una bella doratura e croccantezza. Estrarre il pesce e sgocciolarlo su della carta da cucina. In una padella larga versare mezzo bicchiere di olio e dorare lentamente 400 g di cipolle tagliate a fettine. Aggiungervi i filetti di baccalà fritti, 500 g di pomodori pelati a pezzi e cuocere per ca. mezz’ora a fuoco medio. Servire il baccalà accompagnato da una fumante polenta.